ITALIANI.RO

L’Italia è il primo investitore in terreni agricoli in Romania. E con l’ammodernamento in corso del settore primario romeno c’è un crescente spazio nel mercato per l’agro meccanica italiana, e più in generale per l’agritech e le tecnologie della filiera alimentare come quelle per la catena del freddo. A cui si aggiungono le opportunità in tanti altri comparti economici, dove la presenza italiana nel Paese si è molto evoluta in termini di diversificazione di settori e di livello qualitativo dei processi produttivi localizzati rispetto alla prima ondata di insediamenti avvenuta tra fine Millenovecento e inizio Duemila. Lo sottolinea nell’intervista a Nordest Economia il nuovo ambasciatore italiano in Romania, Alfredo Maria Durante Mangoni, insediatosi a Bucarest a luglio 2021.

Continua a leggere l’articolo su Nordest Economia

Condividi